I film in uscita dal 31 luglio 2009

eddie-murphy-e-evan-danielson-nel-film-immagina-cheashley-scott-e-john-cena-in-una-scena-del-film-12-rounds

cinepresa di cinemavistodame Nei cinema dal 31 luglio 2009

  • Il maledetto United – di Tom Hooper (forse)
  • 12 Rounds – di Renny Harlin
  • Immagina che – di Karey Kirkpatrick

L’ anticipazione

  • Voci dal buio – di Giuseppe Carrisi

Nei Warner Village dal 7 agosto 2009

Voci-dal-buio

Voci dal buio

Regia: Giuseppe Carrisi
Co-sceneggiatura e collaborazione alla realizzazione del progetto: Franscesco Niccolini
Genere: Documentario
Durata: 41′
Data di uscita: 7 agosto 2009
Distributori: VID production

L’Africa e la Campania che non conosciamo

Da Barra a Goma.

Dalla periferia di Napoli alla Repubblica Democratica del Congo.

Il documentario di Giuseppe Carrisi, “Voci dal buio”, racconta, incrociandole, storie di ragazzi della camorra e di bambini congolesi che vivono nella guerra, nella povertà, nella violenza.

Anche se geograficamente lontane, queste due realtà hanno un comune denominatore: i bambini sono vittime designate di una logica perversa che nega e calpesta sistematicamente i loro diritti. Da una parte la Repubblica Democratica del Congo, con il suo “esercito” di bambini soldato, di piccoli sfruttati nei lavori pesanti, abbandonati, vittime della fame e delle malattie; di bambine abusate, di minori accusati di atti di “stregoneria” o rinchiusi nelle carceri; dall’altra, un quartiere del capoluogo campano dove esiste un “esercito” simile, composto di piccoli soldati, anche se non è ugualmente visibile: quello delle giovani “leve” delle cosche criminali che dettano legge in tutta la zona.

Un destino segnato dalla necessità di sopravvivere in un paese marchiato da atroci conflitti, guerre, e dalla quotidiana lotta per la sopravvivenza dove i bambini sono costretti a combattere ogni giorno, da un lato, e, dall’altro un destino ugualmente marcato a fuoco dalla nascita, ma dove la scelta di “combattere” è molto diversa: si sceglie un “ideale“, uno “stile di vita” per raggiungere un potere ben preciso e stabilito dalla camorra: il miraggio della ricchezza, dei soldi facili. In Congo non c’è scelta, perché si viene arruolati e basta, si finisce in miniera, per strada, si è costretti a lottare per sopravvivere.

A Barra il contesto di disagio sociale e di disoccupazione strutturale presenta ai bambini un solo modello vincente: quello del camorrista. Un modello che li porta in una cella del carcere di Nisida – l’ahimè notissimo penitenziario minorile napoletano, cui già Nanni Loy, con il suo musical “Scugnizzi“, aveva dedicato sequenze memorabili – se non all’autodistruzione. In molti casi, i giovani di Barra non sanno di “appartenere” al sistema, credono di viverne i privilegi, i lussi, gli abiti firmati, i telefonini, la droga facile.

In Congo i fucili sono vere e proprie “armi da guerra“, a Barra una pistola può diventare un simbolo di potere per comandare, guadagnare, ed offrire una possibilità di affermarsi nel mondo del consumismo sfrenato.

Insomma a Barra come a Goma, le vite dei bambini vengono buttate via come se non avessero alcun valore.

Leggi tutto il mio post di là.

4 stars.

31 luglio 2009

Il maledetto united

Il maledetto United

titolo originale: The Damned United
nazione: Gran Bretagna
anno: 2009
regia: Tom Hooper
genere: Drammatico
durata: 97 min.
distribuzione: Sony Pictures
cast: Sheen (Brian Clough) • C. Meaney (Don Revie)
sceneggiatura: P. Morgan
musiche: R. Lane
fotografia: B. Smithard
montaggio: M. Oliver
uscita prevista

Trama: Il maledetto United” narra l’incredibile storia di Brian Clough, storico allenatore del Nottingham Forest, del Leeds e del Derby County, che fu capace di entrare nella leggenda del calcio inglese grazie alla doppia impresa realizzata con il suo Nottingham, vincendo due Coppe dei Campioni consecutive, nel 1978-1979 e nel 1979-1980.

Ammesso che non esca, in Italia, (come pure pare sia possibile), a partire dal 22.01.2010, occhio, signori, che qui siamo di fronte a Tom Hooper classe 1962, un regista ed autore (per non dire sceneggiatore) eminentemente televisivo.

Per la serie “nemo profeta in patria” … (ed io credetemi ne so qualcosa), se non a fronte di risultati tangibili ed inaspettati, contro tutti i pronostici degli addetti ai lavori (che troppo spesso e non sono in Italia non sono affatto competenti come uno s’immagina), questo è un film che a me interessa molto e che segnalo alla vostra cortese attenzione.

Magari, se siete dei senior-manager, e guardate questo film, e traete qualche spunto di riflessione circa il modo con cui credete di avere chiara la situazione circa il valore dei vostri manager.

Ecco se c’è qualcosa di contemporaneo nel cinema è quello di parlare del passato (anche recente magari) ma mordendo il contemporaneo.

4 stars.

12 Rounds

12 Rounds

titolo originale: 12 Rounds
nazione: U.S.A.
anno: 2009
regia: Renny Harlin
genere: Azione
durata: 108 min.
distribuzione: 20th Century Fox
cast: J. Cena (Detective Danny Fisher) • A. Gillen (Miles Jackson) • A. Scott (Molly Porter) • S. Harris (George Aiken)
sceneggiatura: D. Kunka
musiche: T. Rabin
fotografia: D. Boyd
montaggio: B. Berdan

Trama: Il detective Danny Baxter scopre che la sua ragazza è stata rapita da un ex-carcerato legato al suo passato, e dovrà superore 12 sfide affinchè venga rilasciata sana e salva.

Amate il genere?

Non lo amate?

Non fa niente per una vota.

Potreste (uso non a caso il condizionale ipotetico e non fidatevi dei siti istituzionali che dicono ciò), accettare di lasciare a casa lo sguardo super-accigliato e, soprattutto, l’eventuale predisposizione all’incredulità, ed avere modo di divertirvi (?)

Solo perché Harlin, con la collaborazione di John Cena (che ha studiato i Van Damme, gli Stallone, i Seagal e, ovviamente, Bruce Willis, non cerca di imitarli) porta sullo schermo un film d’azione che sa di dover parlare a un pubblico che in larga parte ha aggiunto al proprio Dna visivo il numero 24 e quindi gira e monta a ritmo vertiginoso non disdegnando lo split screen?

E perché magari sti’ paraculi, … ops che dico questi geni del cinema, citano (a sproposito?) un classico come Point Break in una scena di inseguimento e gioca alcuni dei suoi assi nel prologo?

O magari solo perché nei 10 + 10 minuti del film, con un montaggio dei caratteri degli antagonisti e con la narrazione del loro fortuito incontro si (tenta di arrabberciare la costruzione di una tensione che poi si tradurrà, nelle dodici prove (che chi ha fatto studi classici non potrà riferire, assolutamente indegnamente, ad Ercole)?

Noi pensiamo che siamo al solito ennesimo tentativo di sola.

2 stars virgola cinque.

E ci dispiace avere questo sospetto, ma noi non siamo un sito di cinema, siamo piuttosto una contro informazione accorta, che tende ad indirizzare la spesa della visione di una film nelle sale, verso le vere (poche) pellicole che meritano, anche se durano 41 minuti.

Immagina che

Immagina che

titolo originale: Imagine That
nazione: U.S.A. / Germania
anno: 2009
regia: Karey Kirkpatrick
genere: Commedia
durata: n.d.
distribuzione: Universal Pictures
cast: E. Murphy (Evan) • B. Thompson (The Kid) • T. Haden Church (Whitefeather)
sceneggiatura: E. Solomon • C. Matheson
musiche: M. Mancina
fotografia: J. Lindley
montaggio: D. Moritz

Trama: Un brillante uomo in carriera improvvisamente perde il suo fiuto negli affari. In bilico nel lavoro, l’uomo si lascerà aiutare dalla figlia e dal suo mondo immaginario.

E’ un peccato penso, mentre scrivo di questo film.

Io ricordo Eddy Murphy come un grande comico ed un grande interpete di pellicole del calibro di “Una poltrona per due” di Jhon Landis (a proposito qualcuno mi sa dire che fine ha fatto il maestro?)

E poi scopro che fanno uscire a fine luglio, nel giorno in cui, per dire, SKY Cinema, ovviamente in Italia, lancia il nuovo canale satellitare dedicato al cinema italiano (il primo film sarà “Il Gattopardo” – di Luchino Visconti) un film come questo che intendiamoci avrà pure nel cast il mitico attore ma è un film di terza o quarta scelta.

2 stars.

Tutte e due solo per Eddy. Ti siamo vicini.

A cura di cinemavistodame.com.

Annunci

~ di Roberto Bernabo' su 30 luglio 2009.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: